Autori

Il tuo sguardo Signore io cerco - con CD

Canti per la Messa e l’adorazione Eucaristica
per  voce solista, coro e organo

Spartito in formato A4 di 32 pagine.

Maggiori dettagli

new

EM2004CD

Spada, Simone

9788860535375

€15,00

Ho voluto riassumere nel titolo dell’Opera (Il tuo sguardo Signore io cerco) tutto il significato che mi ha colpito del metodo cristiano. Il desiderio di essere amati è insito nell’uomo prima e più di ogni peccato. Accade cosi’ ogni volta una cosa che stravolge l’umano e ci fa mendicare il bene, la domanda sul significato dell’altro, del mistero.È un opera prima di tutto missionaria, vuole essere una testimonianza di fede. Poi musicalmente ci son particolarità che ho voluto che esprimessero armonicamente e melodicamente tutte le vicissitudini di opportunità di misericordia evangelica.È un vero mettere a nudo il mio cammino di fede, anche autobiografico e veritiero proprio per il fatto che ci ritroviamo peccatori e siamo bisognosi di un abbraccio. Le figure evangeliche che hanno dato spessore alla composizione dell’opera sono il figliol prodigo, l’adultera, Zaccheo, Matteo e poi il padre del carisma per il quale io e mia moglie siamo stati introdotti alla bellezza di Cristo, don Luigi Giussani. A chiudere il libro è un inno-preghiera che vuole far conoscere la semplicità, la tenacia e l’iniziativa di Giussani, il fondatore di Comunione e Liberazione, il movimento ecclesiale che è nato dal soffio dello Spirito in seno alla Chiesa subito dopo il Vaticano II. Ogni canto composto è la fotografia della pagina evangelica ed è il resoconto di ogni nostra azione quotidiana. Quante volte ci capita di andare via di casa e poi una volta lontani capire che il bene per noi è proprio quell’abbraccio e quella festa che sempre c’è stata, ma che da “lontano” fa più rumore con il suo significato? Ci sarà capitato di andare in un luogo dove passa uno che attira l’attenzione per un motivo particolare e ci siam messi a guardare...ma ne siamo usciti vinti dal fatto che...solo Gesù sa essere il significato vero e ultimo di tutto. Per questo il mio umile e incessante bisogno di donare questa opera è testimoniare che senza il Signore la vita è un affanno che non può che trovare il suo senso in uno sguardo che ci libera.
Con l’augurio di mettere Cristo come vessillo del nostro vivere!
Simone Spada

Con approvazione ecclesiastica del 7 giugno 2016
+ Filippo Santoro
Arcivescovo Metropolita di Taranto